Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Nasce nel 2007 come fucina di sperimentazione performativa tra teatro e arte visiva in collaborazione con il drammaturgo Angelo Pedroni, oltre cinquanta artisti provenienti da discipline diverse e sotto la regia e la direzione artistica di Francesca Pennini. Che, negli spettacoli, sembra quasi divertirsi di volta in volta a riformulare il rapporto di ruoli, relazioni e presenze.

 

Il lavoro coreografico di CollettivO CineticO si base sull’ideazione di metodologie di composizione e organizzazione del movimento che permettono di creare danze complesse e articolate con corpi estremamente differenziati. Cardine è il progetto C/o, un’architettura coreografica decennale articolata in performance disperse in spazi e tempi “altri”. Nel 2012 si aggiudica il bando Progetto speciale performance 2012: Ripensando Cage con una pièce per un cast di adolescenti. Lo spettacolo XD scritture retiniche sull’oscenità dei denti è invece selezionato per il Fringe Festival 2013 di Edimburgo.
CollettivO CineticO è anche impegnato in numerosi percorsi di formazione dedicati a danzatori professionisti e a produzioni coreografiche. Particolare attenzione è data alla creazione di un nuovo pubblico di adolescenti e alla sperimentazione laboratoriale negli spazi pubblici urbani. I lavori sono stati presentati in location che vanno dai teatri alle abitazioni private, dalle gallerie d’arte ai luoghi urbani, dai wc al web streaming. La compagnia sino a oggi ha prodotto 37 creazioni ricevendo numerosi premi tra cui lo Jurislav Korenić Award Best Young Theatre Director, il Rete Critica 2014 come miglior artista, il Danza&Danza l’anno successivo a Pennini come miglior coreografa e interprete, nomination Ubu per performer under 35, l’Hystrio Iceberg e il Mess al Be Festival di Birmingham nel 2016.
Dal 2013 la compagnia è sostenuta dal Ministero per i Beni e le attività culturali, dal 2015 dalla Regione Emilia-Romagna e dal 2016 è “international artist” del network Apap – advancing performing arts project, presentati da Centrale Fies / Festival Drodesera.