Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

18 novembre – 3 dicembre 2016
Potenza, civico sette, largo D’Errico 7 (accesso su largo Pignatari)
inaugurazione 18 novembre ore 18.00
altri giorni su prenotazione, info 389 8185034 / 347 9348841

 

Spazio al cubo

Donato Faruolo, Massimo Lovisco, Marcello Mantegazza
con l’intervento di Serena Achilli, Algoritmo festival
e di Francesco Scaringi, Città delle 100 scale festival

L’associazione culturale Amnesiac Arts, nell’ambito di Città delle 100 scale festival, presenta _3 (Spazio al cubo). A partire da InDebito, tema dell’VIII edizione del festival curato da Basilicata 1799, gli artisti Donato Faruolo, Massimo Lovisco e Marcello Mantegazza e la curatrice indipendente Serena Achilli ricavano un inedito spazio di riflessione per la città: uno spazio fisico, nei sotterranei dello storico palazzo Pignatari, qui nell’inedita veste di luogo di cultura aperto al pubblico; e uno spazio di elaborazione, conquistato nello stato di perenne emergenza dettato dalle crisi (economiche e non solo), per dare adito alla felice “insolvenza” dell’arte, verso ogni alternativa, divergenza, lateralità concessa dal pensiero al palinsesto delle austerità.
Un prototipo di laboratorio artistico: tre punti di vista differenti, tre dimensioni artistiche che nel perseverante lavoro sulla rete si elevano a potenza per costruire il volume pubblico della coscienza. Saranno coadiuvati dall’intervento di Serena Achilli, quarto elemento coprotagonista per apportare l’esperienza di curatrice di Algoritmo festival, giovane realtà propulsiva e di ricerca che instaurerà un dialogo con Francesco Scaringi di Città delle 100 scale festival sul tema della ricerca e della produzione culturale oltre i centri di egemonia economica.
Lo spazio denominato “civico sette” occupa i sotterranei di palazzo Pignatari a Potenza, già adibiti nel tempo a stalla, prigione, laboratorio di falegnameria, deposito, per poi essere obliati per anni dietro il cantiere di largo d’Errico. Subisce alterne vicende e notevoli manomissioni, passando ai Pignatari che ne danno la denominazione attuale solo verso la fine del 1800. _3 (Spazio al cubo) intende riattivare questo luogo per restituirlo al dominio del potenziale.