Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

È dalle coincidenze che nascono gli incontri e le occasioni della vita. Accade così che, anni fa, Stefano Ricci e Gianni Forte si conoscono a Palermo, in occasione di uno spettacolo che Gianni portava in scena. Da allora è nato un ensemble che li ha visti alla fine degli anni'90 autori di fiction televisive mainstream, per poi esordire a teatro, nel 2006, con "Troia's Discount". In questi otto anni il duo ricci/forte si è affermato come una delle realtà più rappresentative della scena teatrale italiana. Un teatro che racconta di mancanze, di consumismi compulsivi e che, nato come forma sperimentale nelle sale off, oggi richiama a ogni replica un vastissimo pubblico. Un teatro anche itinerante in giro per il mondo. Ovunque i loro spettacoli sono un cult anche per la critica. Nel 2009 ricevono il premio per la miglior drammaturgia alla Biennale di Venezia con "Ploutos". Nello stesso anno portano in scena "Macadamia Nut Brittle" e "Pinter's Anatomy", mentre nel 2010 "Troilo vs Cressida" debutta al Festival dei Due Mondi di Spoleto. Nel 2011 "Grimmless" e, al Romaeuropa Festival, "Wunderkammer Soap". E l'anno successivo si presentano con la creazione "Imitation of death".Nell'ultima stagione sono sbarcati a Mosca, per Territory, settimo Festival di arte contemporanea.