Questo sito web utilizza i cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possano essere utilizzati questo tipo di cookie sul proprio dispositivo.

Il grottesco, l'ironia, la tragedia, i cartoons. Linguaggi artistici assai differenti che ben si intersecano nel giovane quartetto formatosi a Cesena nel 2007. Teodora, Agata, Demetrio Castellucci ed Eugenio Resta sono cresciuti artisticamente condividendo l'esperienza formativa della Stoa, la Scuola di movimento fisico e filosofico di Cesena. Pur occupandosi ognuno in maniera prioritaria di aspetti specifici del lavoro, non rinunciano a una modellatura collettiva dei materiali. Una combinazione che negli ultimi anni ha fatto parlare di sé con lavori dal grande impatto visivo, dove le tessiture sono sempre originali, i luoghi inafferrabili, i costumi esaltano in scena l'espressività e la potenza rituale dei corpi dei danzatori. Così Teodora è autrice delle coreo-azioni e dell'ideazione dei costumi, Demetrio compone le musiche, Eugenio disegna le luci e si occupa della scenografia, mentre Agata cura gli aspetti tecnico-produttivi e assiste la creazione coreografica. Il nome Dewey Dell deriva dal personaggio femminile di "Mentre morivo", romanzo di William Faulkner del 1930. Dal 2007 il quartetto fa parte del progetto Fies Factory di Centrale Fies e dal 2013 è entrato nel circuito Apap, Advancing performing arts project.